Un nuovo Cammino

Un nuovo Cammino

Ho finito le sigarette, quindi un’impresa temeraria mettermi a scrivere adesso, in questa notte distratta, così lontano da tutto e tutti e nudo contro l’ansia da carenza.
Che poi mancassero solo quelle.
E’ un nuovo cammino abbandonare il Cammino.
Troppa gente per strada, e nessuno vicino a me, meglio lasciar perdere.
Non c’era bisogno, sai, di adornare un sogno con promesse di vie stellate, di strade lastricate d’oro e fontane di latte e pani di miele.
Andava bene anche la strada bagnata.
Mi avevi convinto al ciao.
Hai visto, non dovevo poi scrivere molto, la paura di stare davanti al monitor senza la stampella del tabacco era soltanto un pensiero invalidante, come molti altri, il senso e il presagio di non farcela da solo. Io che da solo sto bene, poi.
E anche se è triste abbandonare il Cammino, è tuttavia un cammino anche decidersi a lasciar andare, tornare indietro, spedire soltanto il pensiero e il sorriso là dove si credeva di giungere con i propri piedi. Sono passi che conosco bene, sentieri che mi hanno visto piangere e ridere, sudare e seccarmi al sole, bagnarmi di lacrime e pioggia, dolore, fatica e gioia.
Adesso, anche stanotte, c’è chi dorme in un sacco a pelo, sdraiato su un letto senza lenzuola in una piccola dimora tra tutte le piccole dimore sparpagliate lungo la via lattea. E io non ci sarò.
Ma ci sono stato, e un giorno ci sarò ancora.

9 Comments

  1. LetterePerTe
    April 25, 2007 at 3:00 pm
    Poco tempo fa scrissi queste righe:
    “Non sceglierò il “quando” perché arriverà con la naturalezza di un aurora e non mi chiederò se sarà quello il momento giusto … perché lo riconoscerò.
    Porterò con me le sole cose utili al mio viaggio: la luce che ho nel cuore sarà il bastone al quale mi sorreggerò, lo sguardo al cielo sarà la mia strada ed il respiro sarà il mio sorriso.”

  2. qualquna
    April 25, 2007 at 5:57 pm
    ciao! dici, che da solo stai bene,
    piace tanto anche a me,
    sembra sono sola, ma ho tanti pensieri, osservo tutto, so ascoltare il silenzio, il vento, la natura
    ma Tu devi viverla!!!
    ciao

  3. loeilouvert
    April 25, 2007 at 11:04 pm
    ciao max,
    “Non c’era bisogno, sai, di adornare un sogno con promesse di vie stellate, di strade lastricate d’oro e fontane di latte e pani di miele”…
    …è bellissima
    nina

  4. anonimo
    April 26, 2007 at 12:35 pm
    felice di vederti on line anche se la latitante sono io, ma è che a luglio divento mamma – che strano!!! – e la pancia di sette mesi pesa e mi assorbe…perché e cosi difficile scrivere quando si cova un essere dentro di sé?
    un abbraccio forte
    cri ex monolocale

  5. anonimo
    April 28, 2007 at 6:54 pm
    Bentornato fra noi, mi mancava leggere quello che scrivi… Soprattutto in questo post in cui parlando di te stai parlando anche un po’ di me…

  6. 4amichematte
    May 7, 2007 at 8:20 am
    Ciao..sono una delle 4amiche Fil… sfogliando i blog, mi sono soffermata a leggere il tuo e devo dire che mi è piaciuto molto…. Ti leggerò molto spesso, un saluto… a presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.