Livorno Cronache Immaginarie

Giacomo

Giacomo

Una volta a casa, con estrema cura, come fossero documenti molto importanti, tirerà fuori dalla cartella un pacco di spaghetti di grano duro, una capocchia d’aglio e una bottiglia da un quarto di litro di olio extra vergine, spremitura a…

Read More

Ronin

Adesso è l’alba. Questo è il giorno nel quale mi affranco dal mio padrone, per diventare un guerriero onda. Contemplando la linea sottile con la quale il sole inizia a dividere il cielo dalla terra, assaporo questa definizione. Sarò un…

Read More
Demone meschino

Demone meschino

Ho speso troppo tempo in tua compagnia. Troppo a lungo ho creduto alla voce imperiosa che mi parlava dentro, pensando fosse mia; mi sbagliavo: era la tua. Mi hai parlato per anni, imponendo corazze che si espandevano sempre più verso…

Read More
Anita

Anita

Anita è convinta di condurre una vita banale. E’ così che la pensa: banale. Se qualcuno le chiedesse informazioni intorno al suo quotidiano, risponderebbe: banale. Ma dentro di sé capisce che è soltanto un paravento. La formula che sceglie per…

Read More

Tanti auguri Max

Tanti auguri, Max, buon compleanno. Aspetterò l’una di notte, poi lascerò questo post nella corrente del tempo, perché quella è l’ora della tua nascita; all’Universo piacciono i gesti simbolici. Buon compleanno, Max. Ho mille auguri da farti ma troppo poco…

Read More
Giovanni

Giovanni

Giovanni mi guarda dall’interno di un locale molto illuminato. Il suo sorriso si riflette sulla vetrata prima di raggiungermi, e in qualche modo sembra distorcersi. Ma gli occhi sono amichevoli. Anche il suo amico mi guarda e sorride, mentre scatto…

Read More

Frizz

Passa così velocemente, il tempo. Ti guardi indietro e il giorno appena trascorso è una pietra sepolta nel letto di un torrente impetuoso. Per prenderla in mano e guardarla devi bagnarti, e anche parecchio. Che poi bagnarsi a volte non…

Read More
Solitudine

Solitudine

C’è una striscia di arancio intenso poco sopra la linea dell’orizzonte, le nubi non riescono a mascherarla, ad annullarla. Si stende lieve a ricordo del sole appena caduto, si stende come stirata sulla tela dalle dita di un pittore. L’azzurro…

Read More
Cena

Cena

Si fermò di fronte a una cancellata oltre la quale c’era un giardino illuminato. Intorno a un tavolo, una decina di persone che mai si erano viste prima creavano una piccola roccaforte di luce, e al riparo di quelle mura…

Read More